Agopuntura in Piemonte
a cura del medico agopunture
Ekaterina A. Vorontchikhina
logo logo

L’agopuntura è una pratica medica ormai comunemente accettata e spesso consigliata dalla comunità medico-scientifica, che si rifà alla tradizione plurimillenaria della medicina cinese.
Oltre ai suoi campi di applicazione più noti, in primo luogo nel trattamento del dolore e delle affezioni neuro-osteo-muscolari in genere, l’agopuntura può costituire una tecnica di intervento efficace anche in numerose altre patologie dell’organismo, compresi gli stati di squilibrio della sfera psichica ed emozionale.

A differenza di altri approcci medici “convenzionali” come quello farmacologico, l’agopuntura non si prefigge lo scopo di intervenire in modo necessariamente immediato, con il rischio di diventare “irruento”, sull’organo dove si immagina essere localizzata la patologia, approccio questo che solitamente tralascia le ragioni vere del disturbo e lascia talvolta una scia di possibili effetti collaterali. Al contrario, l’agopuntura cerca di identificare e risolvere il problema a monte, riequilibrando l’organismo, con un risultato forse più diluito nel tempo ma sicuramente privo di effetti collaterali.

In Italia la pratica dell’agopuntura è legalmente regolamentata ed affidata unicamente a medici appositamente specializzati in questa disciplina ed iscritti ad relativo Registro presso l’Albo Professionale dei Medici.
A dimostrazione dell’accettazione ormai raggiunta dei risultati dell’efficacia di questa pratica medica, anche in termini di rapporto costo/beneficio, il ricorso all’agopuntura è diventato prescrivibile anche dallo stesso Medico di Base, mentre nel settore ospedaliero essa era già utilizzata da anni, specie nell’ambito del trattamento non-farmacologico del dolore.

NOTIZIE PER GLI SPORTIVI

La risoluzione di uno stato infiammatorio muscolare ed articolare, sia esso di origine traumatica che, come nel caso degli sportivi, motivato da un’eccessiva sollecitazione della parte, non giova solamente al benessere percepito dal paziente ma è da considerarsi una condizione essenziale per l’effettiva guarigione in vista del ripristino della piena funzionalità del movimento […]

Leggi tutto…

IL MALATO NON AUTOSUFFICIENTE

Se l’intervento farmacologico nelle patologie croniche dell’anziano rappresenta solitamente la scelta più ovvia, sono innegabili le ripercussioni su un organismo già debilitato – in primo luogo su fegato e reni – di assunzioni continuative di molecole non facilmente metabolizzabili.
Nel paziente geriatrico, proprio ad iniziare da quello non autosufficiente, l’agopuntura riesce ad esplicare al meglio la sua azione riequilibrante, sia in termini fisiologici che relativamente alla sfera psichica e quindi dell’umore […]

Leggi tutto…